Eventi

2019

Annate

 

Eventi



Lyda Borelli diva cinematografica Lyda Borelli diva cinematografica

Venezia, Sala Barbantini, Fondazione Giorgio Cini


  • Lyda Borelli diva cinematografica , 4 giugno 2019, ore 17.00
  • In occasione dei sessant’anni dalla morte di Lyda Borelli, avvenuta il 2 giugno 1959, e nell’ambito degli eventi legati alla riscoperta della sua figura di artista, l’Istituto per il Teatro e il Melodramma organizza la giornata Lyda Borelli diva cinematografica: l’incontro è dedicato al cinema della grande attrice, primadonna dei palcoscenici nazionali e internazionali che, negli anni Dieci del Novecento, diventa una vera e propria diva del grande schermo.

    Nel corso dell’evento, alle ore 18.00, è proiettato il film La memoria dell’altro, diretto da Alberto Degli Abbati nel 1913 e restaurato nel 2017 dalla Cineteca Nazionale – Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma, su iniziativa dell’Istituto per il Teatro e il Melodramma e degli eredi dell’attrice.

    Nel film, caratterizzato da bellissimi esterni veneziani, Lyda Borelli veste i panni dell’aviatrice Lyda, donna emancipata, appassionata di volo e di motori. La proiezione è accompagnata da musiche dal vivo eseguite da Francesco Baccichet (chitarra), Sabina Bakholdina (violino) e Andrea Vecchiato (flauto).

    La proiezione è preceduta da una conferenza introduttiva di Cristina Jandelli (Università degli Studi di Firenze) e Denis Lotti (Università degli Studi di Padova); presenta il restauro Daniela Currò, conservatrice della Cineteca Nazionale – Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma.
  • ore 17.00 | CONFERENZA INTRODUTTIVA

    Cristina Jandelli, Una donna moderna
    Denis Lotti, La guerra di Lyda

    Presentazione del restauro a cura di Daniela Currò, conservatrice della Cineteca Nazionale – Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia, Roma
  • ore 18.00 | PROIEZIONE DEL FILM

    La memoria dell’altro

    REGIA DI Alberto Degli Abbati, 1913

    MUSICA DAL VIVO
    Francesco Baccichet chitarra
    Sabina Bakholdina violino
    Andrea Vecchiato flauto

    Restauro e concessione del film a cura della Cineteca Nazionale – Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia, Roma.

    Il restauro è stato eseguito su iniziativa dell’Istituto per il Teatro e il Melodramma e degli eredi dell’attrice, in occasione della mostra Lyda Borelli primadonna del Novecento (2017).


Rapsodia Satanica Rapsodia Satanica

Genova, Teatro Carlo Felice


  • Rapsodia satanica - Gianni Schicchi , 12 - 14 aprile 2019
  • Rapsodia satanica | Pietro Mascagni

    Edizioni Curci srl
    revisione critica di Marcello Panni

    Proiezione del film muto del 1917 di Nino Oxilia, restaurato dalla Cineteca di Bologna, con musiche originali di Pietro Mascagni eseguite dal vivo.

    Direttore d’Orchestra, Valerio Galli
  • Talvolta, fare di necessità virtù riesce a sortire effetti davvero ragguardevoli. Così la Fondazione Carlo Felice di Genova, costretta, a quanto sembra per ragioni di copyright, alla cancellazione del previsto musical Sunset Boulevard di Andrew Lloyd Webber, fa buon viso a cattiva sorte, confezionando una serata di autentica piacevolezza con l’inconsueto dittico Rapsodia satanica – Gianni Schicchi, musica rispettivamente di Pietro Mascagni e Giacomo Puccini. Dunque, una commistione tra il cinema, quello delle origini, e l’opera o meglio la commedia lirica.

    La prima parte della serata propone la proiezione, in versione restaurata, di Rapsodia satanica, film muto del 1917 prodotto dalla casa cinematografica Cinés di Roma con la regia di gusto simbolista e decadente di Nino Oxilia, e Lyda Borelli nel ruolo della protagonista, Alba d’Oltrevita. Contestualizzando la pellicola all’epoca in cui fu girata, considerando che sono passati oltre cent’anni da quando venne ideata, la visione risulta tutto sommato piacevole e non priva di fascino. Questo al netto di alcune ingenuità e dello stile recitativo, distante anni luce dal gusto e dalla sensibilità attuali. A conferire maggior fascino al tutto è la musica di Pietro Mascagni, progenitore della figura del compositore di colonne sonore. Le interessanti note esplicative, contenute nel programma di sala a firma di Massimo Pastorelli, forniscono interessanti informazioni sul metodo di lavoro impiegato da Mascagni per passare dalla composizione per teatro, dove il musicista è padrone assoluto dei tempi e del dosaggio degli effetti, alla creazione della musica per film, in cui è giocoforza piegare le esigenze della musica alla durata dei fotogrammi, alle espressioni degli attori, al cronografo. Mascagni, però, non si perde d’animo di fronte alla sfida e riesce a centrare il bersaglio, dimostrando una notevole abilità, un ottimo mestiere nell’adattarsi alla settima arte, cogliendone spunti e opportunità. Riesce anche nell’intento di rimanere fedele a se stesso, così che la melodia e il colore che emergono dalla partitura sono inequivocabilmente mascagnani.

    La colonna sonora, come avvenne in occasione della prima assoluta del film, è eseguita “dal vivo” durante la proiezione, con l’orchestra rigorosamente collocata in buca. Ed è proprio la direzione di Valerio Galli il punto di forza della proposta genovese. Galli crede in questa musica, ne è entusiasta e trasmette il suo entusiasmo al pubblico. Ricerca sempre la timbrica giusta, misura con appropriatezza l’intensità del suono, cui conferisce sempre un ruolo protagonistico paritario rispetto a quanto viene proiettato sullo schermo. In tutto questo è supportato dall’ottima prestazione dell’Orchestra genovese. [...] ( Mauro Tortarolo, Connessi all'Opera, Lirica e dintorni ai tempi del 2.0)
  •  


Adriana Lecouvreur Adriana Lecouvreur

Verona, Filarmonico


  • Adriana Lecouvreur , 31 marzo, 2 - 4 - 7 aprile 2019
  • Ultimo atto della "Adriana Lecouvreur" all’Opera di Verona con Lyda Borelli sul fondale della scena.
  • “Adriana Lecouvreur è un’attrice di teatro all’apice della sua carriera, famosa e venerata dai suoi ammiratori. La sua vicenda privata si svolge tra teatro e palazzi nobiliari, tra recite e declamazioni. Tutto fa pensare che, nella definizione del personaggio di Adriana si deve tenere conto di quelle che erano le dive operanti al momento della composizione dell’opera. La loro magia nasceva in teatro ma per alcune raggiungerà l’apice con l’apparizione della nuova arte, il cinematografo. Nella decima musa, che dovrà fare i conti con le nove che l’hanno preceduta, confluiranno tutte le esperienze teatrali, letterarie e musicali e, naturalmente, le relative attrici. Adriana è un’attrice che discende dalla stirpe di Sarah Bernhardt. Nel teatro classico stavano per affacciarsi nuovi nomi come Eleonora Duse, Gys Leda, Francesca Bertini e Lyda Borelli. Trovo che Adriana assomigli molto più a queste ”umili ancelle” che a quelle effettivamente vissute nel ‘700. Ed è soprattutto al personaggio conturbante di Lyda Borelli, che debutta in teatro nel 1902 proprio come Adriana Lecouvreur, a cui il regista fa riferimento: “Lyda Borelli fu la prima grande sacerdotessa del nascente divismo. La sua morbida bellezza preraffaellita, le sue pose da femme fatale dannunziana, la sua recitazione fatta di gesti eccessivi, di subitanei languori e di sguardi torbidi, divennero il modello di una intera generazione di attrici, ed influenzarono la moda fino a diventare un vero e proprio fatto di costume…”. (Ivan Stefanutti)
  •  


Ferrara Film Festival 2019 Ferrara Film Festival 2019

Ferrara


  • Ferrara Film Festival 4 , 23 - 31 marzo 2019
  • Il Ferrara Film Festival è uno dei festival cinematografici in più rapida crescita al mondo, ospitato nella città italiana di Ferrara, patrimonio mondiale dell'UNESCO, che funge da incredibile sfondo per questo evento cinematografico di alto profilo. È una competizione cinematografica globale, che si conclude con la Cerimonia dei Golden Dragon Awards, che include anche eventi collaterali di cinema, spettacoli di intrattenimento e una partnership esclusiva con l'UNICEF. Il Ferrara Film Festival è un ponte culturale ed economico tra gli Stati Uniti e Italia, essendo è il primo festival di Cinema su territorio italiano organizzato direttamente da Los Angeles, dove è ubicata la sua sede. Questa caratteristica, grazie all'esperienza imprenditoriale hollywoodiana degli organizzatori, rende questo evento innovativo e unico nel suo genere.

    Il Ferrara Film Festival si avvale di prestigiosi collaboratori come il Comune di Ferrara, ASCOM, UNICEF Italia, l'Ambasciata USA in Italia e molti altri. ​Altro fondamentale tassello legato alla città di Ferrara è la partnership con Giovanni e Vittorio Alliata di Montereale e l’Archivio Vittorio Cini.

    Il Premio alla miglior Attrice Protagonista (intitolato a Lyda Borrelli) nelle categorie "Feature USA" e "Feature World" è stato assegnato a Marie Leuenberger (Contro l'ordine divino)
  •  


Manifesto Donne. Corpo e immagine tra simbolo e rivoluzione (2019)

Roma - Galleria d'Arte Moderna


  • Donne. Corpo e immagine tra simbolo e rivoluzione, 24 gennaio - 13 ottobre 2019
  • Lyda Borelli, prima grande diva del cinema muto italiano (e altre attrici di quegli anni) sono raccontate dal video realizzato dalla Fondazione Cineteca di Bologna e proposto in una piccola sala del museo dove sono esposti piccoli bronzetti che impersonano i sentimenti delle donne.
  •